Cadute di stile

A pochi giorni da qualche evento mondano è sempre tanta la curiosità e l’invidia che proviamo nei confronti di vip, attrici e personaggi dello spettacolo che , in genere, che possono spendere un sacco di tempo (e quattrini) a scegliere i migliori abiti delle passerelle per fare la loro sfilata in pompa magna sui red carpet. Di contro è altrettanta la curiosità, e forse anche di più il gusto, che mettiamo nel criticare le cattive scelte di stile che inevitabilmente prima o poi compiono tutte. Si, perché i soldi non bastano per comprare il buon gusto. Basterebbero per un buono stylist ma probabilmente non tutti ammettono di averne bisogno.

 

 

Nel 2014 di peggio vestite ne sono state nominate parecchie. La coppa è stata contesa da inaspettate e da aficionados alla competizione. Ne abbiamo viste delle belle : agli American Music Awards 2014 non è possibile non aver notato la cantante Bleona Qereti. Nessuno che abbia un minimo di gusto avrebbe speso 1 € per un abito come il suo da indossare sul tappeto rosso! Nemmeno Rihanna nelle sue giornate più ispirate è arrivata a tanto!

 

Bleona Qerete in un lungo abito fatto di rete nera e cristalli bianchi al quale ha abbinato dei copricapezzoli grigio titanio, tanga glitterato e pump nere.

 

 

 

A far compagnia a Bleona, fortunatamente non la stessa sera agli AMA Awards (ci sarebbe stato troppo da dire sul come le invitate fossero non-vestite) c’è ovviamente la sopracitata Rihanna in Tom Ford. L’occasione è una serata di beneficenza e pare che lei e l’amica Miley Cirus si fossero proprio messe d’accordo sul nude look.

 

 

Rihanna e Miley Cirus in Tom Ford ad una serata di beneficenza: inutile indossare abiti griffatissimi se poi sono fuori luogo.

 

 

 

Altra scelta pensata male quella di Lupita Nyong’o che si avvolge di reti e cristalli Prada in occasione del Met Gala 2014. L’ abito marrone con una rete molto ricca verde intenso arricchita da piume svolazzanti dello stesso colore, con sandali coordinati e fascetta in testa la fanno sembrare una regina della foreste che si è imbattuta per caso in Pocahontas.

 

 

Lupita Nyong’o in Prada in occasione del Met Gala 2014.

 

 

 

Per tornare sul classico (si fa per dire) parliamo di Katie Holmes. Lei, certamente da brava ragazza qual è, ha deciso di coprirsi ma in occasione del Met Gala 2014 pare essere inciampata nell’armadio per uscirne con un abito assolutamente fuori luogo. E’ un Marchesa giallo intenso e la scelta pare più adatta ad un Carnevale paesano. Anche i capelli non convincono. Almeno servirebbe coordinare le due cose, forse uno chignon, seppur più scontato non avrebbe peggiorato la situazione!

 

Nel 2014 queste sono le star che ci ricordiamo particolarmente seppur sappiamo bene, come già detto, che la lista è davvero lunghissima.

 

 

Katie ma cosa combini? Marchesa è sempre Marchesa ma dovevi proprio metterlo sul red carpet del Met Gala?

 

 

Tra i nomi da non scordare nella lista peggio vestite 2014 anche Amber Rose, Kim Kardashian, Kate Moss e a gran sorpresa Anna Dello Russo.

 

 

Nel 2015 un personaggio davvero inaspettato è già in corsa per un posto in classifica. Sul podio delle criticate-top si è piazzata anche lei: la tanto invidiata quanto amata come “donna normale” Amal Alamuddin. La rete, le fashion blogger e perfino il New York Times hanno espresso tutto il loro sprezzo per la scelta della signora Clooney di sfilare la notte dei Golden Globes come una regina: con guanti bianchi fino al gomito. La caduta di stile non è paragonabile alla Bleona della situazione ma pare che nel tentativo di sentirsi una Audrey dei giorni nostri (o una Grace Kelly forse) l’avvocato non abbia fatto altro che infilarsi in un brutto affair.

 

La fashion blogger/umorista Kathy Griffin di Fashion Police (meglio non avere contro una come lei!) ha paragonato la malaugurata scelta della neo sposa a quella di un attrice porno, il cui ragazzo torna a casa e trova la lavastoviglie in funzione e la compagna che indossa solo un paio di guanti. Che la Griffin abbia una cattiveria fantasiosa e molto ironica è ormai risaputo. Ne ha fatto un lavoro ed ora un programma tv, ma quel che è certo è che dato il coro di critiche unidirezionali non ha proprio esagerato! Amal si è cacciata in un brutto guaio per colpa di una scelta di stile considerata arrogante o, quantomeno, fuori luogo (e fuori stile).

 

 

George Clooney in smoking e la sposa Amal in un ardito abbinamento di guanti bianchi, sgargianti, con un regale abito monospalla di Dior haute couture.

 

Ora aspettiamo curiose i look che si posizioneranno in classifica nel 2015. Siamo solo in gennaio e ci aspettano altri 11 mesi di scelte sbagliate, abiti non-abiti e abbinamenti che ci augureremo di non rivedere mai più.

Share :
Sfoglia il nostro catalogo